DoveComeQuando - Compagnia teatrale e associazione culturale

 Menu





INVENTARIA 2019 - IX edizione
IX ed. 2019 - VIII ed. 2018 - VII ed. 2017 - VI ed. 2016 - V ed. 2015 - IV ed. 2014 - III ed. 2013 - II ed. 2012 - I ed. 2011

  Seguici anche su


Cartellone

Presentazione

Locandina e libretto di sala

Giuria, premi e vincitori

Credits e rassegna stampa



  IL SETTIMO CONTINENTE  


  14 giugno  ore 21.00 
 Teatro Studio Uno 


La Ribalta Teatro


IL SETTIMO CONTINENTE





di e con Alberto Ierardi, Giorgio Vierda e Luca Oldani
scenografie Chiara Bartali
luci Alice Mollica


Sezione Demo




“L’oceano è grande perché non respinge nessun fiume” - detto cinese. Tutto quello che abbiamo dimenticato, che più non abbiamo amato, insomma che ci è servito e poi non più, ha sempre percorso i fiumi fin dall’antichità. Chissà se gli antichi cinesi nel pronunciare il loro detto avrebbero potuto immaginare che il grande oceano, la mitica culla che ha dato vita a tutto, e che si è sempre inghiottita tutto, avrebbe incominciato un giorno a sputare fuori, dopo averle masticate, le chincaglierie che tutti gli abitanti di tutto il mondo da sempre hanno dimenticato. L’oceano ha il mal di pancia! Se ne è accorto da trent’anni Charles Moore, marinaio, esploratore, ambientalista, scrittore che da Cristoforo Colombo dei giorni nostri denuncia, (non con troppo successo) la scoperta, o meglio l’emersione, o più correttamente “l’agglomerazione” coatta della più grande opera artificiale mai costruita, la più grande improvvisazione ingegneristica mai concepita, e si sa dalle improvvisazione nascono grandi cose. Al momento, è grande tre volte la Francia ed è chiaramente visibile dallo spazio (altro che grande muraglia). E’ il Pacific Trash Vortex, per alcuni la grande zuppa di plastica, per i più fantasiosi l’isola di plastica.
Per non essere da meno di questi secondi, La Ribalta teatro ribattezza l’isola con l’epiteto Il Settimo Continente, e propone la messa in scena di una guida turistica dedicata al Pacific Trash Vortex. I tre personaggi protagonisti sono qualificate guide turistiche, esperte del continente sconfinato e delle sue sconvolgenti attrazioni: usi, costumi, tradizioni popolari, cucina, hobby e sport, lo scopo dei tre è propagandare l’isola come metà turistica.
Lo spettacolo è suddiviso in scene che rappresentano i diversi capitoli con cui una guida turistica può essere suddivisa. Non c’è, in questo caso però, un ordine cronologico o un percorso di senso (nella narrazione). I parametri attraverso cui si susseguono i capitoli della guida sono molteplici: l’immagine, cambi di atmosfera, di ritmo, di colore.
La scenografia, che rappresenta il Pacific Trash Vortex, è composta esclusivamente di materiale plastico. il materiale selezionato, raccolto dalla spazzatura, è stato lavato e successivamente agglomerato nella sua forma attuale. Anche i costumi saranno realizzati al 100% con materiale plastico.
Il codice con il quale è strutturato il lavoro è un codice comico-surrealista. Il tema dello spettacolo è di per se molto ingombrante. Facilmente uno spettacolo con queste caratteristiche può incorrere nell’errore di trasformarsi in una lezione. Per non esporci a questa possibilità la scelta si è orientata su un utilizzo radicale e scientifico dell’ironia, come fosse una bussola, utile a definire la direzione. L’utilizzo di un’ambientazione stravagante, ci ha spinto verso una scrittura basata su situazioni surreali colme di paradossi comici, tutto sembra lontano dalla realtà, leggero, quasi frivolo, al contrario invece ciò che raccontiamo non è frutto di fantasia ma esasperazione del reale, un esempio su tutti: l’isola di plastica (anche se non nella forma inventata nello spettacolo) esiste veramente!

Premi:
Vincitore Premio Giovani Realtà del Teatro 2018 Giuria Docenti. Vincitore Earthink Festival 2018.
Prima selezione rassegna Pillole 2018 Teatro Studio Uno.
Prima selezione rassegna Minimo Teatro Festival 2019.

 




 INFO, BIGLIETTI E ACCREDITI 

• Info e Prenotazioni
   - DoveComeQuando: inventaria@dovecomequando.net o 320-11.85.789, 334-75.29917.
   - Teatro Trastevere: info@teatrotrastevere.it o 06-58.14.004 .
   - Carrozzerie n.o.t.: carrozzerienot@gmail.com o 347-18.91.714.
   - Teatro Argot Studio: info@teatroargotstudio.com o 06-58.98.111 .
    - Teatrosophia: info@teatrosophia.com o 06-68.80.1089.
    - Teatro Studio Uno: info.teatrostudiouno@gmail.com o 349-43.56.219.


• Biglietti
   - Intero: 12 euro
   - Ridotto: 9 euro
   - Abbonamento a 22 euro (anzichè 36) per tre serate a scelta.
   
I biglietti ridotti sono riservati ai partecipanti di una qualsiasi edizione di Premio di drammaturgia DCQ-Giuliano Gennaio, concorso fotografico Scene da una fotografia, e Festival Inventaria, ma solo previa prenotazione tramite email ad inventaria@dovecomequando.net.
   
La tessera del teatro costa 3 euro al Teatro Argot Studio e a Carrozzerie n.o.t, 2 al Teatro Trastevere e al Teatrosophia, ed è gratuita al Teatro Studio Uno.

• Accrediti
   - ArtInConnessione: info@artinconnessione.com o 393-29.69668.




  GLI SPETTACOLI DI INVENTARIA  



SPETTACOLI: Un qualche rumore faDov'è la vittoriaCiccioni con la gonna Otello S.r.l.


FUORI CONCORSO: Virginedda addurata'O pesce palla
Io sono partitoPensare - programma delicatoMILF - Mamma Insegnami La Felicità


MONOLOGHI/PERFORMANCE: Signorina lei è un maschio o una femmina?Allenarsi a levarsiExpat UndergroundUna vita all'istante Non ricordo


CORTI TEATRALI: N-EnneQuiNo potho reposareAd sidera. Verso le stelle


DEMO: Il settimo continenteAnnaIl bagattoD'acqua e di veleYour body is a battlegroundMare anarchico5 discorsi per distruggere meLa parabola di StanleyOblioA braccia aperteChi niente fu







 CON LA COLLABORAZIONE DI 







Torna al cartellone del Festival