DoveComeQuando - Compagnia teatrale e associazione culturale

a te, Giuliano

Sommario





1 - Il 15 ottobre in scena: Stand up poetry

2 - In scena il 16 ottobre: Il mito della bellezza

3 - Il 17 ottobre in scena: (Lei)Lear

4 - INVENTARIA: Il cartellone del Festival

5 - Corso di teatro DCQ: se fai teatro...si vede!

6 - Drammi di Forza Maggiore: il 1 agosto sul Gran Sasso

7 - Ultimo spettacolo DCQ: Il viaggio

8 - Recensioni: Follower

  Seguici anche su

In evidenza



INVENTARIA, 15 ottobre:
Stand up poetry




15 ottobre 2021


Teatro Trastevere, Roma

16 ottobre a INVENTARIA:
Il mito della bellezza




16 ottobre 2021



Teatro Trastevere, Roma

In scena il 17 ottobre a INVENTARIA:
(Lei)Lear




17 ottobre 2021

Prima nazionale

Teatro Trastevere, Roma

Nuovi corsi di teatro DCQ




Ottobre-giugno

Lunedì e martedì

Via Silvano 15, Roma





 Menu





Dal sommario: 


 

  1  

  INVENTARIA, 15 ottobre:   Stand up poetry  



  15 ottobre  ore 21.00 
 Teatro Trastevere 


Lorenzo Maragoni


STAND UP POETRY





di e con Lorenzo Maragoni

Stand up poetry comincia con un uomo sul palco che dice poesie, e da lì può solo peggiorare.


Finalista nazionale Lega Italiana Poetry Slam 2019 e 2021
Menzione speciale al premio Sinestetica 2021
Vincitore Bologna in Lettere (sez. poesia orale e performativa) 2021
Menzione speciale della critica al NoLo Fringe Festival 2021



Stand up poetry è uno spettacolo che comincia con un uomo sul palco che inizia a dire delle poesie, e da lì può solo peggiorare. Una specie di"streetpoetry" col tentativo di usare la poesia come sguardo sul mondo e sulla vita quotidiana. Cinquanta minuti di testi originali fatti al 90% di poesia performativa e al 10% di tracce di stand up comedy, cercando e non riuscendo a trovare una lingua che possa parlare in modo disperato e autoironico del tempo presente. Attraverso il racconto della vita quotidiana, in pezzi brevi a metà tra il teatro e un concerto senza musica, si confronta con i temi classici della poesia: l'amore, l'identità, la vita ai tempi del tardo capitalismo, la stessa poesia.






QUANDO
 15 ottobre, ore 21

DOVE
 Teatro Trastevere
 

INDIRIZZO
 Via Jacopa de' Settesoli 3, Roma
 



Aggiornato il 10 ottobre 2021

 

  2  

  Il 16 ottobre a INVENTARIA:   Il mito della bellezza  




Barbara Villa


 Prima nazionale 


IL MITO DELLA BELLEZZA





scritto e diretto da BR Franchi
con Barbara Villa
voce fuori campo Eugenio Manuelli
scenografia Laura Procopio
consulenza artistica Giulia Sangiorgio
direzione di compagnia Chiara Lo Dato

La bellezza è l'arma che nessuno di noi può impugnare.


Spettacolo vincitore di Call Luna Crescente 2021


Usare gli ideali di bellezza per controllare la società: il j'accuse! del trattato The Beauty Myth di Naomi Wolf dà origine, a distanza di trent'anni, a un monologo irriverente e provocatorio di stand-up performance.
Sette personaggi, interpretati dalla stessa attrice in dialogo con un tavolo coperto di parti di un corpo femminile, si alternano in un cabaret tragicomico: da un minotauro nel labirinto alla generale di un esercito in guerra contro i segni del tempo, le ossessioni della società per la bellezza si fanno strada in un turbinio di black humor e ganci allo stomaco.
Con una sola certezza: quella di non voler mai dire al pubblico cosa pensare, ma spingerlo a mettere in dubbio tutto ciò che vedrà.






QUANDO
 16 ottobre, ore 21

DOVE
 Teatro Trastevere
 

INDIRIZZO
 Via Jacopa de' Settesoli 3, Roma
 



Aggiornato il 10 ottobre 2021

 

  3  

  Chiude INVENTARIA il 17 ottobre:   (Lei)Lear  




Muchas Gracias Teatro - Teatro C'art


 Anteprima nazionale 


(LEI)LEAR





di e con Chiara Fenizi, Jiulieta Marocco
regia André Casaca

Un irriverente rendez-vous al bivio tra nonsense beckettiano e malvagerie shakespeariane. Boom!


Spettacolo finalista del Premio PimOff 2021


Immaginiamo che due immarcescibili personaggi shakespeariani siano condotti, dalla mano di due creatrici contemporanee senza scrupoli, al desolato universo di Samuel Beckett. Cosa potrebbe succedere? Che strana metamorfosi subirebbero i loro nitidi profili, i loro brillanti discorsi, le loro tragedie, il loro destino?
Nella loro nuova dimora – uno spazio beckettiano – galleggia un'atmosfera comica e crepuscolare, che sfuma qualsiasi pretesa di nobiltà o di eroismo. Questo spazio impregna tutto di un umorismo che corrode le mura dei castelli e ammuffisce i più splendidi vestiti, trasformando le loro gesta in un cantico clownesco e assurdo.
(Lei) Lear è uno spettacolo cacofonico, un volo ribelle e spiritoso su alcuni elementi della narrativa di Re Lear, dal punto di vista delle sorelle malvagie, Goneril e Reagan, all'interno di una cornice beckettiana e clownesca. Un gioco scenico ibrido, contemporaneo. E qui, la loro tragedia, che sommata al tempo è sempre uguale a commedia, è proprio quella di trovarsi, oggi, in un luogo strano e, chissà, senza futuro.





QUANDO
 17 ottobre, ore 18

DOVE
 Teatro Trastevere
 

INDIRIZZO
 Via Jacopa de' Settesoli 3, Roma
 



Aggiornato il 10 ottobre 2021

 

 

  4  

  INVENTARIA 2021:   gli spettacoli in cartellone a ottobre!








Giunto alla sua XI edizione, il Festival INVENTARIA - La festa del teatro off, organizzato dalla compagnia DoveComeQuando torna ad aprire la stagione del teatro off capitolino con una nuova edizione come sempre incentrata sulla drammaturgia contemporanea.

Sei proposte in concorso, oltre a Il viaggio - spettacolo di apertura fuori concorso di DoveComeQuando - caratterizzano questa Festa del teatro offall'insegna della varietà delle forme e dei linguaggi: teatro sperimentale, civile, drammatico, ironico, di narrazione, poetico, stand-up e improvvisazione sono racchiusi in 8 serate di programmazione tanto fitta quanto variegata.

Per l'undicesimo anno consecutivo Inventaria si conferma un festival totalmente indipendente, autofinanziato e sostenibile.

A ospitare la manifestazione sono quest'anno Fortezza Est (7-9 ottobre) e Teatro Trastevere (13-17 ottobre).

Oggi più che mai, partecipare in sicurezza a un evento dal vivo rappresenta un regalo che si sceglie di fare a se stessi. La fruizione dal vivo è esperienza. La prossimità degli animi, comunità. La semplicità, spettacolo interiore. Questa è la piccola, irripetibile bellezza del teatro off.

Pietro Dattola - direttore artistico

"INVENTARIA", dal latino invenio, trovare;
"INVENTARIA", come invenzione, novità;
"INVENTARIA", come inventario, molteplicità;
"INVENTARIA", come ventata d'aria, d'aria fresca.
Nelle sue mille declinazioni, il teatro è ossigeno, sa sorprendere, respira da millenni!...

...e continuerà a farlo.


Info e Prenotazioni
   inventaria@dovecomequando.net
o 320-11.85.789, 334-75.29917



QUANDO
 7-17 ottobre 2021

DOVE
 Fortezza Est - Via Francesco Laparelli 62; Teatro Trastevere - via Jacopa de' Settesoli 3
 

COME
 Live  



Aggiornato il 30 8 2021

 

  5  

  Nuovo corso di teatro DCQ  : se fai teatro...si vede!



Corpo, voce e improvvisazione

Ottobre 2021 - Giugno 2022












Se fai teatro... si vede!

Divertiti, conosci te stesso, sii te stesso... e anche no!

Dal ottobre in Via Silvano 15 a Roma (zona Pietralata), parte la quarta edizione del corso annuale di recitazione targato Dovecomequando e condotto da Flavia Germana De Lipsis e Pietro Dattola.

Sì inizia il 4 ottobre per gli adulti ed il 26 ottobre per i ragazzi/e.

Gli incontri, tutti i lunedì sera per adulti (iniziamo carichi le settimane!) e i martedì pomeriggio per ragazze/i, si focalizzeranno su:
- Corpo
- Voce
- Improvvisazione

e si concluderanno con uno spettacolo finale a giugno 2022.

I partecipanti godranno inoltre di riduzioni per tutti gli spettacoli di DoveComeQuando e del Festival Inventaria 2021 presso i teatri off più importanti della Capitale.

Prenotati per la lezione di prova gratuita.

Per informazioni e prenotazioni: 320-11.85.789 / 349-351.351.3 info@dovecomequando.net

Passaparola!




QUANDO
 Ottobre 2021-giugno 2022

DOVE
 Via Silvano 15, Roma 

COME
 Lunedì adulti,
martedì ragazzi  



Aggiornato il 30 agosto 2021

 

  6  

  Drammi di Forza Maggiore SHOW! in tour:   1 agosto al Festival del Gran Sasso










Dai 5 testi finalisti del concordo di drammaturgia DCQ DRAMMI DI FORZA MAGGIORE 2021, in tour a Santo Stefano di Sessanio (AQ) per il Festival del Gran Sasso.

Nato in un anno segnato dall'inattività forzata, Drammi di Forza Maggiore 2021 - dopo aver raccolto, selezionato, messo in vetrina e premiato con votazione collettiva da parte degli stessi autori partecipanti il meglio della drammaturgia italiana partorita nell'ultimo anno - acquista la terza dimensione e diventa SHOW.

Brani scelti dei 5 testi finalisti, tutti estremamente diversi tra loro, saranno oggetto di una lettura drammatizzata fresca e vivace.

Da:
- Car(o)vita di Roberto Simonte
- Discorsi senza punto mentre la verità ciao di Aureliano Delisi e Roberto Ciulla
- Il numero 22 di Alessia Giovanna Matrisciano
- Kraken di Niccolò Matcovich
- La risorsa umana di Marco Grossi

Con il sostegno di e la residenza in Teatro Trastevere

I 5 testi finalisti

CAR(O)VITA
Vicky e Zaira sono due ragazze di un quartiere popolare qualunque che decidono di fare una rapina in un supermercato con lo scopo di rivendere i prodotti rubati a prezzi onesti ai loro vicini.

IL NUMERO 22
La vera storia di amore e di anoressia di santa Caterina da Siena, una ragazza ribelle all’ideale di vita che la sua famiglia le vuole imporre e che trova nell’autodistruzione la via della salvezza, il necessario dire “io sono” che la società negava alle donne del suo tempo.

DISCORSI SENZA PUNTO MENTRE LA VERITÀ CIAO
Un ginocchio e un gomito, il diavolo e un apatico, un supereroe e sua moglie, un leone e una antilope, la Terra e il Sole si confrontano su problematiche diverse ma unite da una sola domanda esistenziale: cosa fare della vita che ci è stata data? E di quella che verrà?

LA RISORSA UMANA
Un giovane candidato si appresta a fare un colloquio di lavoro in un'importante società, ma non immagina quali siano le sue tecniche di selezione...

KRAKEN
L’opinione pubblica è un mostro degli abissi dai mille tentacoli. Ogni tentacolo rappresenta una parvenza di individualità che, in movimento perpetuo con le altre, si amalgama, confonde, aggroviglia, fino a confermare, mai provocare, le intenzioni della creatura.

Qui maggiori informazioni sui testi e interviste agli autori.




QUANDO
 1 agosto 2021

DOVE
 Santo Stefano di Sessanio, L'Aquila
 

COME
 Al Festival del Gran Sasso.  



Aggiornato il 29 7 2021

 

  7  

  Ultimo spettacolo DCQ a INVENTARIA:   Il viaggio  



di Paolo Bignami
regia
Pietro Dattola
con: Alessandra Aulicino e Flavia Germana de Lipsis
elementi di scena Alessandro Marrone








Torna in scena fuori concorso in apertura del Festival INVENTARIA un classico della Compagnia DoveComeQuando, Il viaggio .

Due donne di epoche e origini diverse s'incontrano in stazione. Silvia, donna meridionale del dopoguerra, deve andare "dall'altra parte", in cerca di lavoro; Petra - dopo esserci stata, dall'altra parte - sta tornando al suo paese. Unite dalla comune condizione di chi è costretto ad abbandonare la propria terra, dai timori, dallo straniamento, dalle ruvidezze e dall'eterna attesa del treno della vita, ma anche dalle speranze, dalla dolcezza dei ricordi, dall’istintivo desiderio di chiamare “casa” il posto dove – seppur per poco tempo – ci si trova bene, sono però divise dal germe della diffidenza, mentre la stazione comincia ad affollarsi e la massa dei partenti a premere.

Due storie individuali che gradualmente si intrecciano in un delicato equilibrio, diventando universali nel raccontare della ricerca estrema di una vita migliore, di cosa tale ricerca comporta, di come il viaggio stesso cambia chi lo ha intrapreso, di come ognuno di noi potrebbe vivere una prova del genere.

Nello scenario immaginifico dell'incontro di due epoche diverse in cui gli stessi problemi sembrano ricorrere in forme nuove, il viaggio da compiere è soprattutto interiore: è quello che porterà a identificarsi nell'altro, a "vederlo", riconoscendo in esso e nella massa che preme non un'indistinta minaccia, ma altri esseri umani, corpi caldi e pulsanti, concentrati di speranze e paure simili alle proprie.



Il viaggio (col titolo Il viaggio che non ho fatto ha vinto il Premio di drammaturgia DCQ - Giuliano Gennaio 2016 "per la capacità di affrontare un argomento di estrema attualità come quello dell'immigrazione senza patetismi e non limitandosi alla denuncia ma concentrandosi piuttosto, in positivo, sulle speranze e sui sogni delle due protagoniste, favorendo un quantomai auspicabile cambio di prospettiva; l'incontro (concreto) di due epoche diverse, il linguaggio vivo, i toni (anche leggeri) e i tre piani in cui si muovono le protagoniste sono tutti elementi che stimolano alla messa in scena"





QUANDO
 7-8 ottobre, ore 21

DOVE
 Fortezza Est
 

INDIRIZZO
 Via Francesco Laparelli 62, Roma
 



Aggiornato il 10 ottobre 2021

 

  8  

  Recensioni: Follower
            






scritto e diretto da Pietro Dattola
con: Flavia Germana de Lipsis
elementi di scena: Alessandro Marrone











Dopo il successo a Roma, Venezia, Bologna, Messina, Reggio Calabria e Prato, alla Galleria Toledo di Napoli, è tornato in scena successo DCQ Follower. Fatti seguire!

E se, tramite un'app, potessi essere seguito nella vita reale, anziché semplicemente sullo schermo?

Se un tuo follower potesse realmente seguirti per tutta la giornata, restando invisibile e anonimo, e osservarti mentre prepari la colazione, vai al lavoro o incontri degli amici?

Prova nuove sensazioni, rendi più eccitante la tua giornata, aggiungi un pizzico di magia al tran-tran quotidiano, acquista una nuova prospettiva sulla vita, apri il tuo mondo agli altri, dai un nuovo significato alla tua esistenza, afferma la tua presenza!

Diventa il centro del mondo di qualcun altro. Scarica l'app e iscriviti subito. Se ricevi la notifica significa che qualcuno vuole seguirti! Per tutto il giorno, dalle 10:00 alle 20:00, il tuo follower ignoto riceverà da me alcune tue fotografie e la tua posizione GPS. Tutti gli altri dati resteranno confidenziali. Parola di app.

Fatti seguire!


Cosa rende così difficile il distacco da una persona amata? Quanto può essere difficile dire addio?

Nina è ancorata a una storia con Pietro che non le appartiene più. Farebbe di tutto per riaverla indietro. Perché un rapporto funzioni, occorre mantenere le giuste distanze. Quelle tra Pietro e Nina sono ormai abissali e ci sono casi in cui, se vieni bloccato nella vita reale, è per sempre.

Ma ora c'è un'app, Follower, con cui Nina crede di poterle accorciare. Non appena si convincerà che il suo follower potrebbe essere Pietro, Nina farà di tutto per rivederlo ancora una volta. Di tutto.

Un atto unico poetico, multiforme - di parole, azione e immagini - per persona sola in cui lo spettatore è il vero follower di Nina - e in cui, qualsiasi cosa lei faccia, le Condizioni d'uso dell'app impediscono di intervenire.




 Recensioni 

" "Follower si fonda e si regge su un testo originale ed estremamente attuale, capace di stimolare sorrisi ma anche pensieri al limite dell’ansiogeno nel momento in cui si prende consapevolezza della situazione reale."
"Una versatile e divertente Flavia Germana de Lipsis dà voce ad uno spettacolo originale e attuale. (...) Unica attrice in scena, per un'ora e mezza tiene l’attenzione e stimola risate, riflessioni ed ansie nel pubblico. Ai sorrisi complici - soprattutto della parte femminile del pubblico che si riconosce e affettuosamente ride di comportamenti, imbarazzi e figuracce - seguono momenti di riflessione sulla nostra vita attuale."
"In uno spazio totalmente privo di scenografia in cui tutto si basa sulle capacità della protagonista, rumori e sottofondo musicale creano ambientazioni e contesti (la discoteca, la strada trafficata, ecc) mentre i suoni del cellulare scandiscono inesorabili la vita e le emozioni dei personaggi."
"L'irrazionale e caparbio accanimento nel voler resuscitare un amore finito viene alimentato da una nuova App fantascientifica e pericolosa: in brevissimo, ecco Follower. (...) Il bisogno di attenzioni e la paura del distacco appaiono ancora più duri oggi, nella nostra epoca social. "

Fonte: Saltinaria.it



""Quello che colpisce di questo monologo è la sua struttura (...) con un’attrice che si trasforma, fin dalla primissima scena, nei diversi personaggi e soprattutto in diversi stati d’animo, dalla rabbia al rancore, dalla tristezza alla speranza, dal vuoto interiore alla necessità implacabile di amore."
"Follower è il quadro di una società e di un modo di comunicare in cambiamento."
"Dalla virtualità si torna alla realtà. Il blocco operato da Pietro contro Nina non è solo sui social, agisce anche nella vita reale. Pietro è scomparso, non appare mai, è l’assente. Anzi, l’Assenza."
"Scopriamo che non si tratta solo di una storia d’amore, Follower è anche una presa in giro di tutte le logiche aziendali del divertimento a ogni costo, di mode e tendenze perennemente condivise – con accanto i propri stati d’animo e le proprie attitudini – attraverso una piattaforma multimediale in cui tutti osservano, tutti sono osservati, ma nessuno osa, nessuno vive. (...) Se condividere è il nuovo verbo dell’era digitale, quanto condividiamo realmente con noi stessi?" "

Fonte: Persinsala


""Un testo interessante e attuale"
"Una straordinaria Flavia Germana De Lipsis"
"Unica attrice sul palco, la De Lipsis interpreta con grande versatilità tutti i personaggi: la protagonista Nina, l’amato Pietro, la trendissima App, il datore di lavoro (...) È una richiesta di attenzione reciproca fra persone quella che Nina esprime, arrivando a rompere la quarta parete e coinvolgendo il pubblico in sala con una catena di mani unite." "

Fonte: Fourzine.it

" "Attraverso un trasporto coinvolgente, l’attrice confida, a quelli che per una sera sono stati i suoi followers, le speranze e le paure di una ragazza che da sola affronta le oscure acque del virtuale."
"Uno spettacolo molto attuale, in grado di raccontare con estrema semplicità la complessità di un mondo che diventa, per fortuna o per disgrazia, sempre più innovativo." "

Fonte: Recensito.net


" "Un monologo distopico e non così irreale"
"La destrezza con la quale l’interprete si addentra ed esce dai mondi individuali, che si succedono nel monologo, permette allo scritto di Dattola di apparire denso, emozionalmente disturbante a tratti, molteplice nelle sue configurazioni e conseguenze". "

Fonte: BinRome.com




QUANDO
 14-15 dicembre 2019

DOVE
 Galledia Toledo 

INDIRIZZO
  Via Concezione a Montecalvario 34, Napoli
 



Aggiornato il 27 gennaio 2020

 

   

Teatro.Org